Today Energy
Settore Pubblico
Settore Industriale
Settore Privato
Shadow
Per ricevere tutti i nostri
aggiornamenti, iscriviti alla
NEWSLETTER

Bandi, fondi, finanziamenti
Today Energy unisce competenze tecniche e capacità gestionali che permettono di supportare il tuo ente, non solo nella ricerca della soluzione tecnica migliore, ma anche nell'individuazione delle agevolazioni e dei contributi più vantaggiosi in base al progetto di riqualificazione energetica che verrà definito.

Ogni intervento o dispositivo installato può godere, infatti, di incentivi e contributi diversi. Today Energy ha le competenze per consigliare quale sia la soluzione migliore tra conto termico, detrazioni fiscali, bandi per contributi a fondo perduto, certificati bianchi. Il nostro obiettivo è quello di fare rientrare il vostro Comune in breve tempo dell'investimento iniziale, per consentirvi di usufruire quanto prima dei vantaggi di un immobile riqualificato.
Save energy - save money
Bandi per ottenere contributi a fondo perduto
Le Regioni, lo Stato e l'Unione Europea offrono diverse possibilità per ottenere contributi a fondo perduto per finanziare, in toto o in parte, uno o più interventi di riqualificazione energetica.

PEAR: Programma Energetico Ambientale Regionale - Regione Lombardia
PEAR è un bando sostenuto da Regione Lombardia per premiare la riqualificazione di edifici pubblici dei Comuni lombardi: scuole, uffici pubblici, attività ricreative, culturali e sportive, strutture socio-sanitarie, anche a carattere residenziale. I finanziamenti possono essere erogati solo se l'intervento genera una riduzione dei consumi pari ad almeno il 30%. I fondi a disposizione sono di diversa entità rispetto al numero di abitanti del Comune:
  • per Comuni fino a 1000 abitanti: è previsto un contributo a fondo perduto pari al 90% dell'investimento fino ad un massimo di €200.000 per ogni progetto presentato;
  • per Comuni sopra i 1000 abitanti: la Regione eroga un contributo a fondo perduto del 30%. Per un ulteriore 40% offre la possibilità di un finanziamento a tasso agevolato. Per finanziare il restante 30% ci si può appoggiare ad un promotore privato, come Today Energy, sottoscrivendo un contratto EPC.
Programmi europei
Anche l'Europa per sostenere gli obiettivi 20-20-20 ha scelto di supportare economicamente gli interventi di risparmio energetico con dei finanziamenti ad hoc. I bandi possono riguardare il miglioramento dell'efficienza degli edifici, l'illuminazione stradale, l'integrazione di energie rinnovabili negli edifici, la produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili. Uno dei programmi europei più importanti è ELENA (European Local Energy Assistance) che offre un contributo per coprire le voci di spesa a fondo perduto per il 90%.

Contattaci per avere tutte le informazioni sui bandi aperti.

Conto termico
Il Conto Termico è un incentivo, introdotto con il Decreto Ministeriale 28/12/12, che sostiene gli interventi di efficienza energetica degli edifici già esistenti e la produzione di energia termica da fonti rinnovabili. Alcuni tra gli interventi che rientrano nel Conto Termico sono:
  • coibentazioni;
  • sostituzione serramenti;
  • caldaie a condensazione;
  • pompe di calore;
  • impianti solari termici;
  • certificazioni e diagnosi energetiche.
Le amministrazioni pubbliche possono richiedere l'accesso agli incentivi anche al momento della progettazione, senza aspettare che gli interventi siano stati realizzati. Lo Stato, infatti, prevede un tetto di denaro disponibile per finanziare il conto termico. Una volta superata questa quota il contributo non viene più emesso. La possibilità di iscrizione anticipata alla graduatoria di coloro che fanno richiesta dell'incentivo, è una garanzia in più di poterlo ottenere. Il contributo viene poi erogato all'ente in rate annuali per un periodo che va dai 2 ai 5 anni in base agli interventi realizzati.

Certificati bianchi: titoli di efficienza energetica
Gli enti pubblici che effettuano interventi di riqualificazione energetica hanno diritto a ricevere incentivi, ottenendo titoli di efficienza energetica. Questi titoli possono essere riscossi da un ente pubblico grazie alle ESCo, società impegnate nel settore dell'efficienza energetica, come Today Energy.

I titoli di efficienza energetica, istituiti con decreto ministeriale del 20 luglio 2004, sono detti anche "certificati bianchi". I certificati bianchi sono emessi dal GME (Gestore dei Mercati Energetici) e gestiti dal GSE (Gestore dei Servizi Energetici) per premiare i soggetti che realizzano progetti per il risparmio energetico. I titoli di efficienza energetica sono quindi un ulteriore incentivo economico per chi ha scelto di ridurre il proprio impatto sull'ambiente.

I titoli vengono riconosciuti economicamente per otto anni per gli interventi realizzati sull'involucro edilizio, per dieci anni sulla cogenerazione e per cinque anni su tutti gli altri interventi. L'ente pubblico può ottenere certificati bianchi per interventi quali:
  • sostituzione di vetri singoli con doppi vetri;
  • coibentazione delle pareti esterne degli edifici;
  • interventi sull'illuminazione pubblica stradale;
  • interventi sulla centrale termica;
  • cogenerazione;
  • efficientamento dei centri di calcolo e dei dispositivi.
Detrazione fiscale del 65%
Anche alcuni enti pubblici (nello specifico associazioni, consorzi, fondazioni) possono godere della detrazione fiscale del 65% grazie ad una riduzione sul pagamento dell'IRES. In dieci anni è possibile così per un ente recuperare il 65% dell'investimento fatto per la riqualificazione. Le detrazioni fiscali per il risparmio energetico sono state introdotte con la Legge n°296/06 (Legge Finanziaria 2007) per promuovere l'efficienza energetica degli edifici.

Ecco alcuni interventi che possono usufruire della detrazione fiscale del 65%:
  • riduzione del fabbisogno energetico per il riscaldamento dell'intero edificio;
  • interventi sull'involucro degli edifici: coperture, finestre ed infissi, pavimenti etc;
  • installazione di pannelli solari: per la produzione di acqua calda o riscaldamento;
  • impianti di climatizzazione invernale: pompe di calore e caldaie a condensazione etc.
La Legge di Bilancio 2017 - legge n. 11 dicembre 2016, n. 232 ha stabilito la proroga delle detrazioni fiscali del 65% fino al 31 dicembre 2017. Si potrà quindi usufruire della detrazione fiscale per tutte le opere di riqualificazione energetica fatturate durante l'anno 2017.